Granduca Leopoldo II

Sabato 22 marzo il saluto istituzionale a Sigismondo d’Asburgo Lorena, Granduca di Toscana e una giornata di studi nella sala dell’Annunziata in Sant’Agostino

Una giornata ricca quella che trascorrerà il Granduca di Toscana Sigismondo d’Asburgo Lorena, sabato 22 marzo a Pietrasanta, organizzata dal Comune di Pietrasanta e dall’Istituzione dei Cavalieri di Santo Stefano.Già alle 11 di mattina il Granduca sarà accolto istituzionalmente nella sala del Consiglio in Palazzo Comunale dal Sindaco Domenico Lombardi, dal Presidente del Consiglio Guido Lucchetti e da il Cav. Dottor Alessandro Russo

Dalle 15 del pomeriggio prenderà il via nella sala dell’Annunziata in Sant’Agostino la giornata dedicata alla Versilia dei Lorena. Interverranno come relatori il professore Zeffiro Ciuffoletti dell’Università di Firenze, il professore Marco Gemignani, insegnante di storia militare all’Accademia Navale di Livorno, il professor Alessandro Panajia, il dottor Leopoldo Belli e l’Architetto Andrea Tenerini. Introdurrà e modererà la giornata Monsignor Giovanni Scarabelli, mentre all’apertura dei lavori, dove sarà presente anche il Granduca, porteranno i saluti il Sindaco di Pietrasanta Domenico Lombardi e il Presidente dell’Istituzione dei Cavalieri di Santo Stefano Umberto Ascani Menicucci.

“Pietrasanta avrà l’occasione di conoscere ancora più approfonditamente la sua storia – afferma il sindaco Domenico Lombardi – il Granducato di Toscana fu uno degli stati più prosperi e moderni in Europa con significative ripercussioni sul territorio. Sarà un onore ricevere il Granduca di Toscana Sigismondo d’Asburgo Lorena e con Luo rivivere intense pagine del passato”.

Il convegno sarà un importante appuntamento per un approfondimento su una dinastia, quella appunto degli Asburgo-Lorena, al potere in Toscana dal 1737, dopo i Medici, che ha contribuito in maniera significativa allo sviluppo del nostro territorio, già importante exclave del Granducato di Toscana.

I Lorena. Fra le opere compiute dai Lorena, la grande bonifica della Versilia attuata già a partire dalla metà del Settecento per impulso diretto Granduca Pietro Leopoldo. Queste opere di miglioramento portarono ad un ripopolamento della nostra città e dintorni, grazie anche all’ulteriore azione del Granduca che, nel 1784, concesse sgravi fiscali a coloro che si fossero insediati stabilmente nel territorio di Pietrasanta. Nel 1788 fu completato il fortino voluto dal Granduca per la difesa della costa in una porzione che da lì in poi sarà sempre indicata come Forte dei Marmi. A lui si deve l’abolizione della pena di morte, avvenuta con la promulgazione della Riforma Penale il 30 novembre 1786.

In Versilia, subito dopo Pietro Leopoldo, il Granduca Ferdinando III (1790-1824), di concerto col governo lucchese fece costruire le cateratte a bilico presso lo sbocco in mare degli scoli di acque dolci provenienti alla marina di Motrone dal fosso del Baccatoio unito alle acque di una parte della fiumana di Camaiore, a quelle del fosso del Confine; a seguito di tali opere, si legge in un documento d’epoca: “l’aria di Pietrasanta è migliorata a segno che rare si sono rese le febbri intermittenti, e niuna di quelle famiglie, o de’ pubblici impiegati che una volta scasavano da Pietrasanta per andare a statare o nel sovrastante monte di Capriglia, oppure a Serravezza attualmente si muove da questa città potendovisi vivere sani quanto altrove”. Tra l’altro, quando si trasferì a Pietrasanta il Granduca Ferdinando III con la Granduchessa sua consorte, la corte alloggiò nel convento di S. Agostino; di ciò ivi si conserva memoria in marmo.

Le opere di bonifica della Versilia sono poi proseguite da Leopoldo II di Lorena, Granduca di Toscana (1824-1859), deciso a debellare la malaria dalle paludi costiere di tutta la regione. Le ulteriori opere di messa a coltura di vasti appezzamenti ed i cospicui rimboschimenti, a intrapresi poi dal Granduca, segnarono la rinascita del territorio della tutta Versilia e di Pietrasanta. Grande, in tale periodo, lo sviluppo, nel nostro territorio, di alberghi e case rurali.

Lo stesso Leopoldo, il 22 marzo del 1841, elevò Pietrasanta al rango di città nobile tenendo conto della sua antichità, della bellezza degli edifici, della importanza delle istituzioni, dello sviluppo nella escavazione e lavorazione del marmo, del numero di famiglie nobili e facoltose.

Il 25 giugno 1842, con motu proprio, Leopoldo II , stabilì a Pietrasanta una nuova Scuola per la Lavorazione Artistica del Marmo (già Scuola delle Belle Arti). Primo insegnante della scuola, il grande Vincenzo Santini che, nel 1848, scolpirà la statua di Leopoldo II che ancor oggi domina la piazza del Duomo

Sigismondo d’Asburgo Lorena è ingegnere informatico, vive e lavora in Svizzera. È il primogenito dell’arciduca Leopoldo (1942) e della prima moglie, Laetitia di Belzunce d’Arenberg (1941).

Nel 1994 ha assunto il Gran Magistero degli Ordini dinastici della Sua Casa: Sacro Militare Ordine di Santo Stefano Papa e Martire, Ordine del Merito sotto il San Giuseppe, Ordine del Merito Civile. È Balì Gran Croce d’Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta.

 

Programma della giornata di studi

LA VERSILIA E I LORENA

Sabato 22 marzo 2014

ore 15,00

Sala dell’Annunziata

Chiostro di S. Agostino

Pietrasanta

 

Saluti istituzionali

Domenico Lombardi Sindaco di Pietrasanta

Umberto Ascani Menicucci Presidente dell’Istituzione dei Cavalieri di S. Stefano

Sigismondo d’Asburgo-Lorena Granduca di Toscana titolare

 

Interventi

Introduzione – Professor Monsignore Fra’ Giovanni Scarabelli

Le riforme in Versilia all’epoca dei Lorena – Professor Zeffiro Ciuffoletti

Le difese costiere versiliesi dell’epoca lorenese – Professor Marco Gemignani

I Cavalieri di Santo Stefano del Capitanato di Pietrasanta – Professor Alessandro Panajia

Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena e il Governatore di Livorno. Federigo Barbolani da Montauto artefici delle trasformazioni del litorale della Versilia granducale (1782-1788) – Dottor Leopoldo Belli

L’esaltazione del Granduca. Il monumento di Pietrasanta nel quadro

delle celebrazioni di Leopoldo II – Architetto Andrea Tenerini

 

Per maggiori informazioni: Centro Culturale Luigi Russo – Via S.Agostino, 1 – Pietrasanta; 0584 795500/795278 – istituti.culturali@comune.pietrasanta.lu.it

Tags: , , , , , ,

L’arte ‘ideologica’ di Franco Miozzo

La potenza e il mistero dell’arte di Miozzo E’ la più grande retrospettiva antologica dedicata a Franco Miozzo. Oltre cento opere tra pittura […]

Scomparso nella notte a Parigi Igor Mitoraj – aveva 70 anni e un grande amore per Pietrasanta

Una giornata infausta per Pietrasanta. Questa mattina il sindaco Domenico Lombardi è stato avvertito, da uno degli assistenti, della scomparsa, […]

Aperte le iscrizioni al 3° concorso Internazionale di stile e moda PietrasantaModArte

Il Comune di Pietrasanta ha bandito il 3° Concorso Internazionale di stile e moda PietrasantaModArte in collaborazione con Renata Serra […]

Festival del Cinema – Pietrasanta la nuova Città dell’Agave di Cristallo

La rassegna che premia i Film per i migliori dialoghi riparte il 21 e 22 Novembre 2014 Altre due cittadine […]

Pietrasanta partecipa alla Marcia della pace Perugia-Assisi

Il 19 ottobre il pullman parte anche da Pietrasanta L’assessorato all’Associazionismo e la Presidenza del Consiglio organizzano un pullman in occasione […]

Valdo Vaccaro – Fattore guarente e correlazione tra malattie e alimenti

Un evento per la città di Pietrasanta, in provincia di Lucca, che ospiterà una conferenza di Valdo Vaccaro dal titolo […]